Via del Trenino al Passo San Giovanni

La Via del Trenino e l’arrampicata al Passo San Giovanni (Arco), aperta nel 1986 da Giampaolo Calzà Trota, Rino Zanotti e Andrea Zucchelli e recentemente sistemata dallo stesso Calzà e Danny Zampiccoli.

Pulizie autunnali della falesia di San Giovanni, punto storico dei climbers Roveretani di un tempo, una scalata molto tecnica e ormai in disuso: le placche ormai non le cerca più nessuno. Sto tagliando alcune spine alla base della falesia, e mi vengono in mente i ricordi di quando prima ancora che spuntasse la falesia, con mio zio salimmo una via fino in cima alla parete. L’avevamo dedicata al piccolo Treno Austriaco, detto M.A.R., attivo dal 1891 al 1936 che collegava la Val d’Adige con la Busa (la zona del Lago di garda ndr). Erano più avanti allora, forse in anticipo sui tempi o premonitori del disastro che sarà il traffico del prossimo futuro…

La via del Trenino è stata aperta dal basso nell’autunno del 1986 con alcuni chiodi normali, pochi eccentrici, e cunei di legno di protezione. Poi, dopo la prima ripetizione, decisi con Rino Zanotti di attrezzarla a spit, pensando a future ripetizioni. Ma poi… poi quando la falesia è stata richiodata, la via del Trenino è stata completamente disattrezzata, perché sale sopra le vie sportive. E restò così fino ad oggi.

Rino lo chiamavano “El Grola” per la sua passione perenne della montagna. Membro della SAT di Riva del Garda e gestore da sempre dei sentieri della sezione, ricordo le tante volte che lo accompagnavo da piccolo a segnare sentieri con colori e pennello. E’ stato lui che mi ha portato a salire la mia prima via e a fare la mia prima apertura.

Della Via del Trenino mi ricordo ancora la paura della lama del secondo tiro con un cuneo di legno dieci metri sotto di me. Ora sono qui come un tempo, però questa volta con quattro friend di protezione sotto di me, li amo. Sono insieme a Danny Zampiccoli (un fratello, con cui scalerei l’infinito). Lui, dopo una stagione in rifugio, perciò allenatissimo a servire birra e minestre, comincia bene il periodo delle scalate. Saliamo tutta la via solo con friend, sistemiamo le soste con spit, mettiamo alcuni cordini e troviamo due vecchi miei chiodi, ribattuti ed ancora ottimi. Per fortuna, mi dico, che questa via me la ricordavo come una passeggiata.

Vi lascio questa piccola perla d’arrampicata, detta oggi TRAD o da me free… In parete ci sono poche protezioni, sui tiri ci sono alcune clessidre ed un chiodo, mentre tutte le soste sono attrezzate. Sicuramente chi l’affronta deve avere un po’ d’esperienza nell’utilizzo delle protezioni veloci.

Buona scalata a tutti da Danny Zampiccoli e Gianpaolo “Trota” Calzà

Click Here: pandora Bracelets

SCHEDA:
Via del Trenino, Passo San Giovanni, Nago Torbole Arco

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *